Russa versione

Anton Čechov

L'isola di Sachalin

Traduzione dal italiano: Valentina Parisi
Milano, Adelphi. 2017

Il viaggio "al confine della geografia": Anton Čechov (dettagli del ritratto: il passaporto, un revolver Smith & Wesson, una bottiglia di cognac), gli amici scettici e le battute nel momento della partenza ("Se non torno mia sorella Maria pagherà i miei debiti"). 81 giorni di strada, compresi 11 giorni di navigazione sul magico Amur; gli Urali; "la poesia siberiana che regna dopo il lago Baikal"; l’apoteosi dei fiumi russi e il battello a vapore che approda sull’isola della katorga russa. "L'anima è invasa da quel sentimento che, forse, ha già provato Odisseo mentre navigava per mari sconosciuti"; "Ho visto tutto", avrebbe scritto C. all’amico Suvorin due mesi dopo. L’isola di Sachalin, un testo concepito sotto forma di ibrido tra appunti di viaggio e una ricerca scientifica, ora fa parte dei travelogue classici della narrativa russa. Molti ritennero che l’autore meritasse la promozione al dottorato di ricerca, ma il tentativo non riuscì; "L’amante (la letteratura) ha finalmente sconfitto la moglie (la medicina)", reagì Chechov ridendo quando gli fu comunicata la notizia.

  • Commenti [0]

    Lasciare il commento