Russa versione

Aleksandr Solženicyn

Nel primo cerchio

Traduzione dal russo: Denise Silvestri
Roma, Voland. 2018

Tra le variegate forme della non-libertà quella descritta da Solzenicyn nel romanzo Nel primo cerchio è indubbiamente una delle più sofisticate; si tratta di un laboratorio chiuso e secreto (chiamato šaraška), dove i grandi cervelli della scienza lavorano per rendere lo Stato sovietico più potente. Dentro c'è quasi tutto: dialoghi, scambio di opinioni, dibattiti, nei quali a volte vince chi sostiene sinceramente l'idea del comunismo, tutto tranne una cosa: la libertà. Il testo di Solzenicyn lascia al lettore indovinare dove finisce la prigione e inizia la cosidetta "normalità"  - il che, a suo turno, rende sempre attuale questa domanda alla quale ogni epoca risponde a modo suo. Concepito nel 1945-1953, scritto nel 1955-’58, modificato nel 1964, ricostruito dall’autore nel 1968, il portentoso romanzo arriva finalmente al lettore nella sua versione integrale. Traduzione di Denise Silvestri.

Altre opere di questo autore

  • Commenti [0]

    Lasciare il commento